Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for maggio 2008

Polemiche, ed ancora polemiche da più parti, sui vini siciliani ottenuti da vitigni internazionali, pseudo esperti, integralisti del gusto, palatali in esubero, continuano ad esprimermi le loro perplessità su taluni di questi vini, a volte francamente a ragione, molto più spesso a torto, per il semplice gusto di criticare l’espressione siciliana del gusto-Cabernet Sauvignon, gusto-Syrah, ecc…

In Sicilia lo studio, la sperimentazione e poi la diffusione dei vari vitigni internazionali Cabernet, Syrah, Merlot, Chardonnay ecc.., ha messo in evidenza una particolare vocazione di numerosi territori a produrre queste uve, agevolata dalle favorevoli condizioni climatiche che portano a perfetta maturazione uve particolarmente curate. Proprio per questo, i vitigni alloctoni sono ormai particolarmente diffusi, in particolare  il Syrah, arrivato in Italia solo a metà degli anni Ottanta, attualmente è presente nell’isola con circa 5000 ettari d’estensione, pari a circa il 4% della superficie vitata della regione. Ad oggi sono circa un centinaio le etichette di Syrah monovarietale e poco meno sono gli uvaggi polivarietali con la presenza del vitigno tra il 15 e l’80%, sia in abbinamento a vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon e Merlot, che ad autoctoni quali Frappato e soprattutto Nero d’Avola, che risulta ammorbidito da tagli con Syrah già a partire dal 15% in volume.Il Cabernet Sauvignon è tra i vitigni più internazionali, considerato il re dei vitigni rossi nobili, ha ottime capacità d’adattamento alle più disparate condizioni climatiche siciliane ed alle varie tecniche di vinificazione, le sue bacche maturano tardi, e danno vita a vini dall’intenso colore scuro, tannici, con una particolare attitudine all’invecchiamento. Anche se da più parti si apprezza questo rinnovato internazionale stile enoico siciliano, c’è chi di contro, non è affatto d’accordo sulla sempre più “californizzazione” della produzione.

A mio modo di vedere, non si può fare di tutta un’erba un fascio, spesso ci troviamo in presenza di prodotti monolitici ed inconcludenti, frutto della più inutile globalizzazione del gusto, ma anche a vini buoni ed interessanti, caratterizzati da note olfattive e gustative che ricordano vini di zone decisamente più fresche, sino a prodotti che pur ottenuti da vitigni internazionali, riescono ad esprimere una compiuta territorialità, un gusto decisamente unico e marcato, con un’espressione del vitigno frutto del legame con il particolare luogo d’origine. Così mi è capitato di commentare in pubblico taluni Cabernet o Syrah che evidenziano la matrice di provenienza più di taluni Nero D’Avola, mortificati da uve di dubbia qualità e sviliti da vinificazioni ipermoderne. Per fortuna una certa inversione di tendenza è già in atto, con un attenta riscoperta e maggior cura degli autoctoni, ed una produzione di alloctoni che ricalchi un po’ meno il classico gusto internazionale, ed esprima il loro carattere mediterraneo. Quindi occhio alle critiche frutto di preconcetto e diffidenza, il vino và valutato per le sue positive espressioni sensoriali, oltre ogni tendenza del gusto, oltre ogni luogo comune.
Annunci

Read Full Post »

Spesso capita a molti di trovarsi di fronte una bottiglia di vino ed accingendosi a berla, non si sà nulla su di essa e non si ha la possibilità di informarsi sulle caratteristiche del contenuto, perché in etichetta è presente appena il nome del vino e dell’azienda. Per ovviare a questo, nasce un progetto innovativo, ed a mio modo di vedere interessante, quello di Autoctono s.r.l., denominato il “Vino Parlante®”, che prevede nelle bottiglie una retroetichetta pieghevole multipagina, in grado di contenere tutte le informazioni sul vino e sul produttore. Lo scopo è poter dare ai consumatori la possibilità di bere in modo informato e consapevole, leggendo immediatamente in qualunque circostanza, ristorante, enoteca, o casa di amici e direttamente sulla bottiglia, le caratteristiche del vino, le uve dal quale proviene, la sua vinificazione, il territorio, l’andamento climatico dell’annata in questione, gli ideali abbinamenti, ed il profilo del produttore, con la possibilità di staccare facilmente e conservare il pieghevole-etichetta, in modo da ricordare il vino che si è trovato di particolare gradimento.

Iniziativa lodevole che permette di tutelare il consumatore, sempre più esigente, oltre che con la qualità, anche con la trasparenza d’informazione. La presentazione del progetto a giornalisti ed operatori di settore è avvenuta a Verona al Vinitaly, giovedì 3 aprile in Sala Respighi, con gli interventi di Gigi Brozzoni direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli, Luca Toninato presidente della Cooperativa AGER, entrambi partner di progetto di Vino Parlante®, e di Attilio Scienza ordinario di Viticoltura all’Università degli Studi di Milano. Hanno aderito a questo nuovo progetto già 22 aziende vitivinicole sparse sul tutto il territorio nazionale, tra queste una siciliana, l’azienda agricola Tamburello.

La presentazione dell’etichetta del Vino Parlante Tamburello, avverrà venerdì 9 Maggio alle 21,00 presso l’Accademia del Buon Gusto Siliqua a Partanna Mondello (Pa), nel corso della serata “Note Divinae”, si tratta di uno dei pochi Perricone in purezza, antico vitigno autoctono siciliano, le cui proprietà salutische sono state riscontrate in uno studio fatto dal “Coribia” (Consorsio di Ricerca sul Rischio Biologico in Agricoltura) presieduto da Nicola Gebbia, ordinario di Oncologia medica all’Università di Palermo.

Il Perricone, secondo tale ricerca, è il vitigno siciliano più ricco di  resveratrolo e di piceatannolo, sostanze che aiutano nella prevenzione di gravi malattie. Quest’idea di fornire il vino di un’etichetta altamente informativa, probabilmente anticipa un provvedimento che potrebbe a breve riguardare il vino, infatti, dopo le discussioni parlamentari in sede di Unione Europea che riguardano le questioni delle tabelle nutrizionali divenute oramai obbligatorie sui cibi, molti vorrebbero che queste comparissero in modo chiaro, anche  sulle bottiglie del nettare di Bacco.

Read Full Post »