Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2012

E’ davvero un risultato eccezionale il bianco siciliano Colonna Tarucco dell’Azienda Agricola Geraci frutto dell’espressione dell’uva autoctona siciliana Grillo in unione all’internazionale Chardonnay è stato l’unico bianco italiano ad ottenere la Gran Medaglia d’Oro al Concorso Mondiale di Bruxelles. La Sicilia enologica che riesce ad esprimere grandi doti d’eccellenza applica una continua ricerca in vigna ed in cantina, riesce, in alcuni casi, a proporre vini nuovi nello spirito e nella concezione, donando nel bicchiere piacevolezza senza stravolgere le caratteristiche primarie dei vitigni. 

Sono giudice ormai da tanti anni al Concorso Mondiale ed ho potuto constatare di persona quanto gli assaggi e la sequenza dei campioni nelle diverse batterie siano perfettamente curati e come le commissioni siano composte da giudici di differenti paesi con cultura degustativa diversa, questo permette veramente solo ai vini meritevoli di ottenere la Medaglia d’Oro spiccando sugli altri con punteggio medio di commissione superiore a 87/100 e la Gran Medaglia d’Oro solo ai  vini che riescono a superare  il punteggio medio di 95/100.

Ecco perché conquistare una Gran Medaglia d’Oro al Concours Mondial è davvero garanzia di altissima qualità.
Il Mondiale 2012 che si è svolto in Portogallo ha visto all’assaggio in totale 8400 campioni provenienti da tutto il mondo, solo 84 vini hanno ottenuto la gran Medaglia d’Oro. L’Italia, in questa edizione portoghese, su circa 1000 vini presentati ne ha conquistate appena 10, unico bianco italiano ad ottenere questo riconoscimento è stato appunto il  Tarucco Colonna.

I terreni di produzione dell’azienda di Stefano Geraci sono a Bisacquino (Pa) a circa 450 metri sul livello del mare, il microclima è ideale per la produzione di uve di qualità, la cantina ha una struttura ipermoderna, bella da vedersi ed integrata nel paesaggio.

Ho degustato il Colonna ‘11, le sue caratteristiche sono di grandissimo appeal. Le uve Grillo subiscono pressatura soffice e fermentazione in vasca d’acciaio inox a temperatura controllata, quelle di Chardonnay macerazione pellicolare a freddo, di bucce e mosto a 4 -8 °C per 6 ore prima della pressatura soffice, al fine di estrarre le componenti aromatiche. Fermentazione di parte del vino (50%) in acciaio a bassa temperatura e (50%) in tonneaux di rovere francese.

Il vino nel bicchiere ha colore paglierino luminoso, il naso è veramente pregevole con aromi intensi di biancospino e ginestra, seguiti da note di frutta fresca, pera, susina, ananas, sentori erbacei e ritorni agrumati. In bocca, perfettamente coerente con il naso, ricco di freschezza ha una chiusura lunga ed avvolgente piena di ritorni fruttati e minerali.
Il vino, che è stato giudicato alla cieca dalla commissione internazionale ottenendo un punteggio altissimo, ha inoltre un grandissimo valore aggiunto un rapporto qualità prezzo difficilmente riscontrabile non soltanto tra i vini italiani: circa  € 9,00 prezzo medio enoteca. Da correre a comprare!

 

 
Annunci

Read Full Post »