Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘robert parker’

Guide di settore o concorsi enologici? Quale lo strumento più veritiero ed efficace? Con l’arrivo della primavera inizia il periodo dei grandi concorsi enologici internazionali, i più importanti vedono in gara migliaia di campioni, dispongono di un quadro normativo chiaro e trasparente ed indubbiamente  nel corso degli anni hanno dimostrato la loro valenza quale strumento promozionale per le aziende vinicole. Tra i più noti il Concorso Mondiale di Bruxelles, l’ IWC di Vienna, il Challange International du Vin di Bourdeaux, il Berliner Wine Trophy di Berlino, il Decanter Awards, il concorso del Vinitaly, la Selezione del Sindaco. Per un’azienda poter fregiarsi della medaglia d’oro o d’argento ottenuta in uno dei concorsi enologici patrocinati dall’OIV(Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino), significa poter vantare un’assoluta certificazione di qualità e con essa più facilità nel veicolare il proprio prodotto sui mercati mondiali.

Molti produttori, anche se affermati e sicuri della qualità intrinseca dei loro prodotti, partecipano senza timori ai concorsi, ma un dubbio ci attanaglia perchè altri pur largamente incensati dalle guide di settore sono restii nel farlo? Potrebbe essere per caso che alcuni di questi hanno visto trionfare i loro vini con giudizi guidaioli altissimi magari non in maniera del tutto meritata ed hanno un certo timore di veder giudicato il proprio vino alla cieca ed in modo anonimo da commissioni composte di fior fiore di degustatori? Giusto per essere chiari nei concorsi tutti i vini sono degustati alla cieca, l’etichetta non influenza il giudizio del punteggio finale, il vino del piccolo vignaiolo assolutamente sconosciuto ha quindi la possibilità di essere giudicato dalle commissioni esattamente allo stesso modo di quello di una notissima cantina e può, se il suo prodotto ha grande valenza, aggiudicarsi una prestigiosa medaglia al pari di un noto produttore. E’ evidente che invece il vino della blasonata cantina rischia di fare una gran figuraccia se il vino non è all’altezza ottenendo un punteggio basso.

Dunque, posso garantire essendo personalmente da anni in commissione in tanti concorsi enologici internazionali, che solo i vini davvero meritevoli sono premiati. Le guide hanno certamente il loro valore, anche in questo settore opero da diverso tempo però non posso sottacere il vero problema, alcune hanno nel corso degli anni totalmente perso la loro attendibilità continuando a mischiare il giudizio dei vini con le pagine di pubblicità e se il consumatore meno attento non se ne accorge l’importatore di turno certamente si.

Annunci

Read Full Post »

wine-spectator-copia-blog1Il miglior vino del mondo per la voce che ha più risonanza nell’universo del vino, ovvero la rivista statunitense Wine Spectator è un cileno, Clos Apalta 2005 prodotto da Casa Lapostolle. E’ il migliore vino della classifica 2008 dei Top 100, che quest’anno festeggia il ventennale, e non mi sorprende per nulla, dato che gli States sono il mercato di riferimento dell’export dei vini cileni, vini spesso veramente interessanti con un ottimo rapporto qualità prezzo e con un appeal particolare per il loro stile bordolese che piace molto agli americani. Nonostante sia possibile respirare ancora in Cile atmosfere coloniali,  le migliori ed attente aziende vinicole si sono aggiornate tecnologicamente,  ed il particolare microclima dei vari territori caratterizzato da piogge concentrate nel periodo invernale, un lungo periodo asciutto a partire dalla fine della primavera fino alla fine dell’autunno, grandi escursioni termiche diurne/notturne, medio-bassa umidità durante l’estate consentono una perfetta maturazione dell’uva, supportata dall’acqua proveniente delle Ande.
Il vino Clos Apata è una creazione del noto enologo francese Michel Rolland con l’aiuto del connazionale Michel Friou, nasce nella bellissima ed ipermoderna cantina tra i trecento ettari di vigneti aziendali della Colchagua Valley da uve Cabernet Sauvignon, Merlot, Carmenère e Petit Verdot, matura per 24 mesi in botti di rovere nuove, ed affina lungamente in bottiglia.  Questa splendida valle viene chiamata dai cileni la Ruta del vino; è questa una zona di circa 30 Km baciata dal sole che racchiude la migliore produzione vinicola del paese.

Ho degustato l’annata 2005 a Giugno 2008, l’ho trovata particolarmente accattivante dal colore rubino cupo ed  impenetrabile, di gran consistenza estrattiva, dal mantello olfattivo generoso, frutti di bosco,  marasche, prugne e fichi secchi, sentori di cacao amaro e giusta vaniglia. Al palato è classico ed opulento, dal tannino netto, di viva spalla acida e mineralità, che fanno da bilanciamento alla rotondità della beva. Certamente un vino sapientemente equilibrato, di godibile approccio.

Sono 15 i vini italiani nella “Top 100” di Wine Spectator, un solo vino nella “Top 10”, il Barolo 2004 di Pio Cesare, e 6 in totale tra i primi 50, la lista dominata dai vini francesi e redatta  secondo alcuni parametri: il punteggio assegnato (minimo 93 punti), il prezzo, la disponibilità, ed un “fattore x” definito “excitement”. Tra le regioni italiane al primo posto la Toscana, con ben 7 etichette, sulle 15 italiane, seguita dal Piemonte con 3 Barolo. Sicuramente colpisce il fatto che tra i terroir italiani d’importanza quest’anno non c’è nessun riconoscimento per Montalcino e il Brunello, per la serie i nodi vengono sempre al pettine.

 

La “Top 100” 2008 di Wine Spectator …
Posizione – Punteggio – Prezzo – Etichetta
1 – 96 – $75 – Casa Lapostolle Clos Apalta Colchagua Valley 2005
2 – 97 – $100 – Château Rauzan-Ségla Margaux 2005
3 – 95 – $40 – Quinta do Crasto Douro Reserva Old Vines 2005
4 – 97 – $57 – Château Guiraud Sauternes 2005
5 – 95 – $55 – Domaine du Vieux Télégraphe Châteauneuf-du-Pape La Crau 2005
6 – 94 – $62 – Pio Cesare Barolo 2004
7 – 96 – $100 – Château Pontet-Canet Pauillac 2005
8 – 96 – $95 – Château de Beaucastel Châteauneuf-du-Pape 2005
9 – 95 – $90 – Mollydooker Shiraz McLaren Vale Carnival of Love 2007
10 – 93 – $24 – Seghesio Zinfandel Sonoma County 2007
11 – 95 – $57 – Château Clerc Milon Pauillac 2005
12 – 96 – $69 – Concha y Toro Cabernet Sauvignon Puente Alto Don Melchor 2005
13 – 94 – $42 – Mount Eden Chardonnay Santa Cruz Mountains 2004
14 – 95 – $65 – Aldo & Riccardo Seghesio Barolo Vigneto La Villa 2004
15 – 96 – $110 – Sette Ponti Toscana Oreno 2006
16 – 95 – $53 – Elderton Ode To Lorraine Barossa 2005
17 – 95 – $50 – Argyle Extended Tirage Willamette Valley 1998
18 – 97 – $100 – Château Malescot-St.-Exupéry Margaux 2005
19 – 96 – $83 – Château Smith-Haut-Lafitte Pessac-Léognan White 2005
20 – 97 – $95 – Schrader Cabernet Sauvignon Napa Valley T6 Beckstoffer To Kalon Vineyard 2005
21 – 100 – $260 – Château L’Evangile Pomerol 2005
22 – 95 – $63 – Avignonesi Vino Nobile di Montepulciano Grandi Annate Riserva 2004
23 – 96 – $100 – Jean-Paul & Jean-Luc Jamet Côte-Rôtie 2005
24 – 96 – $125 – Chappellet Pritchard Hill Estate Vineyard Napa Valley 2005
25 – 94 – $58 – Andrew Will Champoux Vineyard Horse Heaven Hills 2005
26 – 95 – $155 – Domaine des Lambrays Clos des Lambrays 2005
27 – 97 – $175 – Peter Michael Les Pavots Knights Valley 2005
28 – 98 – $206 – Château Cos-d’Estournel St.-Estèphe 2005
29 – 96 – $100 – A. Clape Cornas 2005
30 – 93 – $25 – Byron Chardonnay Santa Maria Valley 2005
31 – 93 – $28 – La Massa Toscana 2006
32 – 92 – $18 – Château Puygueraud Côtes de Francs 2005
33 – 93 – $18 – Winzer Krems Grüner Veltliner Qualitätswein Trocken Kremstal Edition Chremisa 2006
34 – 93 – $34 – Condado de Haza Ribera del Duero Crianza 2005
35 – 96 – $125 – Pride Cabernet Sauvignon Sonoma-Napa Counties Reserve 2005
36 – 94 – $62 – Bodegas y Viñedos Maurodos Toro San Román 2004
37 – 93 – $27 – Merry Edwards Sauvignon Blanc Russian River Valley 2006
38 – 92 – $25 – Bodega Colomé Malbec Calchaquí Valley 2006
39 – 93 – $27 – Perrin & Fils Gigondas La Gille 2005
40 – 91 – $19 – Kim Crawford Sauvignon Blanc Marlborough 2008
41 – 93 – $35 – Domaine La Roquète Châteauneuf-du-Pape 2005
42 – 92 – $25 – Amavi Cabernet Sauvignon Walla Walla Valley 2005
43 – 92 – $30 – Château Pipeau St.-Emilion 2005
44 – 91 – $12 – Leasingham Riesling Clare Valley Magnus 2007
45 – 94 – $80 – Jermann Venezia-Giulia Vintage Tunina 2006
46 – 93 – $28 – Warwick Estate Reserve Simonsberg-Stellenbosch 2005
47 – 92 – $35 – Beringer Chardonnay Napa Valley Private Reserve 2006
48 – 93 – $37 – DeLille Doyenne Aix Red Columbia Valley 2005
49 – 92 – $42 – Dierberg Pinot Noir Santa Maria Valley 2005
50 – 91 – $28 – Firriato Nero d’Avola-Syrah Sicilia Santagostino Baglio Soria 2006
51 – 90 – $17 – Fattoria di Felsina Chianti Classico Berardenga 2006
52 – 90 – $17 – Bodegas LAN Rioja Reserva 2004
53 – 90 – $18 – François Pelissié Cahors Croix du Mayne 2005
54 – 91 – $22 – Robert Eymael (Mönchhof) Riesling Kabinett Mosel Ürzig Würzgarten 2007
55 – 91 – $19 – Yalumba Viognier Eden Valley 2007
56 – 90 – $15 – St.-Urbans-Hof Riesling QbA Mosel-Saar-Ruwer 2007
57 – 90 – $16 – Sogrape Dão Callabriga 2005
58 – 90 – $20 – Louis Latour Marsannay 2005
59 – 90 – $18 – Terredora Falanghina Irpinia 2007
60 – 91 – $16 – La Sauvageonne Coteaux du Languedoc Les Ruffes 2006
61 – 93 – $30 – Januik Cabernet Sauvignon Columbia Valley 2005
62 – 93 – $30 – Neyers Syrah Sonoma Coast Old Lakeville Road 2006
63 – 93 – $30 – Montirius Vacqueyras Le Clos 2005
64 – 96 – $112 – Achával-Ferrer Malbec Mendoza Finca Altamira 2006
65 – 91 – $30 – Bodegas Muga Rioja Reserva 2004
66 – 92 – $30 – Altocedro Malbec La Consulta Reserva 2006
67 – 93 – $45 – Outpost Zinfandel Howell Mountain 2005
68 – 93 – $58 – Domaine Serene Pinot Noir Willamette Valley Evenstad Reserve 2005
69 – 94 – $85 – Hewitt Cabernet Sauvignon Rutherford 2005
70 – 90 – $19 – Attems Pinot Grigio Collio 2007
71 – 90 – $20 – Bodegas Sierra Cantabria Rioja Crianza 2004
72 – 91 – $24 – Zind-Humbrecht Riesling Alsace 2006
73 – 91 – $23 – Cardwell Hill Pinot Noir Willamette Valley 2006
74 – 92 – $24 – Gemtree Shiraz McLaren Vale Uncut 2006
75 – 90 – $19 – Suavia Soave Classico 2007
76 – 90 – $25 – Marchesi de’ Frescobaldi Chianti Rufina Castello di Nipozzano Riserva 2005
77 – 91 – $38 – Duval-Leroy Brut Champagne NV
78 – 90 – $17 – Domaine de Nizas Coteaux du Languedoc 2004
79 – 90 – $24 – Reichsgraf von Kesselstatt Riesling Kabinett Mosel Piesporter Goldtröpfchen 2007
80 – 92 – $33 – Les Verrières de Montagnac Coteaux du Languedoc Clos des Soutyères 2006
81 – 91 – $32 – Querciabella Chianti Classico 2006
82 – 93 – $35 – Luca Malbec Uco Valley 2007
83 – 92 – $35 – Two Hands Shiraz McLaren Vale Angels Share 2007
84 – 91 – $39 – Stefano Farina Barolo 2004
85 – 93 – $55 – Ghost Block Cabernet Sauvignon Oakville 2005
86 – 90 – $16 – Adegas Morgadío Albariño Rias Baixas Legado del Conde 2007
87 – 92 – $42 – William Fèvre Chablis Montmains 2005
88 – 92 – $40 – Château de St.-Cosme Gigondas 2006
89 – 90 – $18 – Stadt Krems Grüner Veltliner Qualitätswein Trocken Kremstal Sandgrube 2006
90 – 90 – $24 – Churchill Douro Churchill Estates 2006
91 – 90 – $27 – Golan Heights Cabernet Sauvignon Galilee Yarden 2004
92 – 90 – $30 – Domaine Gilles Noblet Pouilly-Fuissé 2006
93 – 92 – $21 – Meinhard Forstreiter Grüner Veltliner Qualitätswein Trocken Kremstal Schiefer 2006
94 – 93 – $65 – Château Giscours Margaux 2005
95 – 96 – $135 – Merus Cabernet Sauvignon Napa Valley 2005
96 – 93 – $60 – Cabreo Toscana Il Borgo 2006
97 – 91 – $50 – Vincent Girardin Gevrey-Chambertin Vieilles Vignes 2005
98 – 92 – $32 – Niepoort Douro Vertente 2005
99 – 93 – $62 – Domaine Clusel-Roch Côte-Rôtie 2005
100 – 94 – $55 – Konzelmann Vidal Niagara Peninsula Ice Wine 2006 (375 ml)

Read Full Post »

robert-parker.jpg

Robert Parker su “The Wine Advocate” ha redatto la classifica 2008 dei migliori vini italiani, suddividendola in due sezioni distinte, l’Italia del Nord e quella Centro Meridionale, allo scopo di evidenziare e tener conto delle sostanziali differenze dei territori delle varie zone di produzione. La classifica accorpata vede ai primi dieci posti solo vini piemontesi. Beati i presenti tra i cinquanta !!!!

99 punti: Bruno Giacosa Barolo Riserva Le Rocche del Falletto 2004
98 punti: Angelo Gaja Sorì San Lorenzo 2004
98 punti: Bruno Giacosa Barbaresco Riserva Rabaja 2001
98 punti: Bruno Giacosa Barbaresco Asili (Red Label Riserva) 2004
98 punti: Giacomo Conterno Barolo Riserva Monfortino 1999
98 punti: Luciano Sandrone Barolo Cannubi Boschis 2004
98 punti: Roberto Voerzio Barolo Sarmassa di Barolo 2004
97 punti: Angelo Gaja Sori Tildin 2004
97 punti: Bruno Giacosa Barbaresco Rabaja 2004
97 punti: Bruno Giacosa Barolo Riserva Le Rocche del Falletto 2001
97 punti: Domenico Clerico Barolo Ciabot Mentin Ginestra 2004
97 punti: Elio Altare Barolo Brunate 2004
97 punti: Giacomo Conterno Barolo Riserva Monfortino 2000
97 punti: Giacomo Conterno Barolo Riserva Monfortino 1998
97 punti: Roberto Voerzio Barolo Brunate 2004
97 punti: Roberto Voerzio Barolo Cerequio 2004
97 punti: Tenuta dell’Ornellaia Masseto 2004
96 punti: Angelo Gaja Sperss 2004
96 punti: Avignonesi Vin Santo Occhio di Pernice 1995
96 punti: Bruno Giacosa Barbaresco Asili (Red Label Riserva) 2000
96 punti: Bruno Giacosa Barolo Falletto 2004
96 punti: Cerbaiona Brunello di Montalcino 2001
96 punti: Conterno Fantino Barolo Sorì Ginestra 2004
96 punti: Domenico Clerico Barolo Per Cristina 2004
96 punti: Fontodi Flaccianello della Pieve 2004
96 punti: Giacomo Conterno Barolo Cascina Francia 2001
96 punti: Luciano Sandrone Barolo Le Vigne 2004
96 punti: Luigi Pira Barolo Vigna Rionda 2004
96 punti: Antinori Solaia 2004
96 punti: Paolo Scavino Barolo Rocche dell’Annunziata Riserva 2001
96 punti: Paolo Scavino Barolo Bric del Fiasc 2004
96 punti: Petrolo Galatrona 2004
96 punti: Paolo Scavino Barolo Rocche dell’Annunziata/Torriglione 2004
96 punti: Roberto Voerzio Barolo Sarmassa di Barolo 2001
96 punti: San Giusto a Rentennano Percarlo 2004
96 punti: Vietti Barolo Rocche 2004
95 punti: Dettori Rosso 2004
95 punti: Fattoria Galardi Terra di Lavoro 2004
95 punti: Montevetrano Montevetrano 2004
95 punti: Passopisciaro Franchetti 2004
94 punti: Arnaldo Caprai Sagrantino di Montefalco 25 Anni 2004
94 punti: Dettori Tenores 2003
94 punti: Feudi di San Gregorio Taurasi Riserva Piano di Montevergine 2001
94 punti: Sportoletti Villa Fidelia 2004
94 punti: Salvatore Molettieri Taurasi Riserva Vigna Cinque Querce 2003
94 punti: Salvatore Molettieri Taurasi Vigna Cinque Querce 2004
94 punti: Milziade Antano Montefalco Sagrantino Colleallodole 2004
94 punti: Benanti Passito di Pantelleria Coste di Mueggen 2002

Credo sia interessante e vi faccio partecipi della “power list”, ovvero la lista del potere del vino mondiale, comprende i primi cinquanta nomi in elenco, è chi è al primo posto? C’è lui, Robert Parker, è evidente come un gran punteggio dato da lui ad un vino, può cambiare la storia di un azienda. In questa speciale classifica sono presenti tre italiani.

1. Robert Parker (Usa), wine journalist
2. Mel Dick (Usa), Vizepräsident der Southern Wine & Spirits of America
3. Richard Sands (Usa), Vorsitzender und Ceo Constellation Brands
4. Trevor O’Hoy (Aus), Ceo Forster’s Group
5. Richard Evans (Usa), Präsident und Ceo Alcan Inc.
6. Patrick Picard (F), Vorsitzender und Ceo Pernod Ricard
7. Joseph Gallo (Usa), Präsident und Ceo E&J Gallo
8. Michel Rolland (F), Weinberater
9. Jancis Robinson (Gb), Autorin, Journalistin und Beraterin
10. Annette Alvarez-Peters (Usa), Einkaufsdirektorin von Costco Wh. Corp.
11. Bernard Arnault (F), Vorsitz und Ceo Louis Vuitton Moët Hennessy
12. Dan Jago (Gb), Weindirektor Tesco
13. Robert Paulinski (Usa), Einkäufer bei Sam’s Clubs, Wal-Mart
14. Eduardo Guilisasti (Rch), Ceo Concha y Toro
15. Marvin Shanken (Usa), Eigentümer, Herausgeber des Wine Spectator
16. Steven Spurrier (Gb), Beratender Autor des Decanter
17. Hugh Johnson (Gb), Weinautor
18. Nobutado Saji (J), Vorsitzender Suntory
19. Miguel Torres (E), Präsident Torres
20. Yves Bénard (F), Präsident Inao
21. Piero Antinori (I), Direktor Antinori
22. Bernard Magrez (F), Eigentümer Bernard Magrez Grands Vignobles
23. Pierre Castel (F), Präsident und Gründer Groupe Castel
24. Nicolas Joly (F), Biowein-Erzeuger
25. Tony Laithwaite (Gb), Vorsitzender Direct Wines
26. Simon Berry (Gb), Vorsitzender Berry Bros & Rudd
27. Frédéric Rouzaud (F), Manager Louis Roederer
28. Eric de Rothschild (F), Präsident Domaines Barons de Rothschild
29. Stéphane Derenoncourt (F), Weinberater
30. Jean-Charles Boisset (F), Vize-Präsident Boisset La Familie des Gr. Vines
31. Marcel Guigal (F), Vorsitzender E. Guigal
32. Jeff Zacharia (Usa), Präsident Zachys
33. Denis Dubourdieu (F), Professor und Weinberater
34. Daniele Cernilli (I), Autor Gambero Rosso
35. Pierre-Henry Gagey (F), Präsident Maison Louis Jadot
36. Eric Boissenot (F), Weinberater
37. Don St Pierre Jr (Cn), Vorsitzender ASC Fine Wines
38. Philippe Casteja (F), Händler, Château-Besitzer, Lobbyist
39. Yasuhisa Hirose (J), Präsident Enoteca
40. Hubert de Boüard (F), Eigentümer Château Angélus
41. Dr. Richard Smart (Aus), Berater
42. Mariann Fischer Boel (Dk), Europa-Politikerin Euac
43. Christian Moueix (F), Eigentümer Moueix
44. Georges Duboeuf (F), Eigentümer Les Vines Georges Duboeuf
45. Brian Croser (Aus), Gründer Petaluma
46. Oz Clarke (Gb), Autor und TV-Moderator
47. Angelo Gaja (I) Eigentümer Gaja
48. Al Gore (Usa), Ehem. Vizepräsident der Usa
49. John Casella (Aus), direttore Casella Wines
50. Richard & Judy (Gb), Tv-moderatoren

Ma, voglio anche farvi leggere, ciò che una collega, Elisabetta Tosi, ha raccontato a proposito del “guru” in questione.

Durante un viaggio nel Bordolese, qualche anno fa, ricordo che all’esterno di alcuni chateau spiccava un cartello: “I nostri vini non sono stati recensiti da R.Parker”.
“Curioso pensai, il critico enologico più influente e potente del pianeta li ignora, e questi se ne fanno un vanto…Boh”.
Quello che segue è un fatto realmente accaduto ad un amico produttore, la scena si svolge presso la sua azienda, alla quale egli torna dopo una dura giornata di vendemmia. “C’è uno straniero che vuol comprare del vino” lo informano i familiari.
Il produttore stanco morto si arma di pazienza e cortesemente chiede al forestiero quali vini vuole assaggiare.
Lo sconosciuto tira fuori un libro e lo sfoglia. Il produttore sbircia il titolo: è la guida di Robert Parker.

“Mi fa assaggiare…questo, questo…e anche questo” gli dice indicandogli i nomi scritti sulla pagina.
Il produttore obbedisce: porta le bottiglie, i bicchieri, stappa e versa. Lo sconosciuto guarda, annusa, assaggia, e legge. “Non sa di tabacco. Robert Parker dice che questo vino sa di ciliegia sotto spirito e tabacco”.
“Legga bene quello che c’è scritto: la recensione si riferisce all’annata 2003 di quel vino. Questo è un 2005”.
“Deve sapere di tabacco” insiste l’altro.
“Ma è un’altra annata! I vini cambiano sempre un po’, da un’annata all’altra”
“ E questo? Qui c’è scritto che è elegante e fruttato, che sa di prugna e cioccolato, e io non sento il cioccolato”.
“L’annata recensita da Parker è terminata, questa è quella successiva, e l’uvaggio è leggermente diverso; le proporzioni tra le uve non sono sempre le stesse tutti gli anni”. La discussione continua un bel pezzo, con il forestiero da un lato che scuote la testa, insoddisfatto, e continua a leggere e ad assaggiare confrontando le sue sensazioni con le note di degustazione scritte sul Vangelo del vino secondo Parker, le quali, ovviamente, non coincidono e il produttore dall’altro che non sa più a quale santo votarsi, per spiegare come mai i suoi vini hanno la bizzarra attitudine a divergere dal diktat parkeriano (e pensare che glieli ha valutati così bene! ingrati che non sono altro).

Alla fine, lo straniero decide di comprare solo 6 bottiglie, e contratta come un mercante arabo, tirando sul prezzo e litigando sull’IVA.
Esasperato, il produttore finisce per metterlo alla porta.  Il suo ultimo, grato pensiero è però per Mr.Parker:
“Accidenti a quella volta che i miei vini sono finiti sulla sua guida!”
 

Read Full Post »